Una cambiale in bianco per Monti






Oramai ci siamo, il nostro Paese si avvia verso una stretta fiscale senza precedenti. Una manovra economica che colpirà pensioni, redditi e patrimonio; nel disperato tentativo di restare aggrappati all'Europa e salvare le banche dal baratro. Si dovranno sanare vent'anni di sprechi e pressapochismo politico bipartisan. Ovviamente, manco a dirlo, a farne le spese saranno i cittadini che dovranno sobbarcarsi quasi interamente il peso della crisi economica. Nonostante l'assenza di una politica economica e industriale, adeguata, sia la prima causa del limbo nel quale sta scivolando il Belpaese.


Mentre la stampa nazionale ed internazionale continua ad incensare e osannare il neo premier, Mario Monti, lentamente i cittadini italiani si renderanno conto che non si tratta di una marcia trionfale, almeno per loro, ma si avvicina il momento nel quale il buon SuperMario presenterà il conto all'Italia; e non sarà per nulla piacevole. Personalmente non condivido la "cambiale in bianco" concessa all'ex commissario europeo, dal quale avrei preteso un mini-programma ben definito con delle scadenze alle quali attenersi.


Un governo tecnico, naturalmente, ha un immenso vantaggio rispetto ad un esecutivo politico: non dovrà rispondere  ai cittadini del proprio operato, attraverso l'unico strumento concesso al popolo per giudicare i propri governanti, ovvero il ricorso alle elezioni. Il premier dovrebbe indicare una data certa, entro la quale avrà espletato le proprie funzioni necessarie di "governo d'emergenza", quindi condurre l'Italia alle urne; non prima di aver varato una nuova legge elettorale. Tra l'altro sembra che la revisione del Porcellum sarà l'ultimo provvedimento ad essere trattato dall'esecutivo Monti; non vorrei che a furia di rimandare ci trovassimo davanti ad una nuova tornata elettorale senza le modifiche necessarie.
Share on Google Plus

About Marenero

Fabrizio Vinci, blogger e scrittore di Messina vinci@usa.com
    Blogger Comment
    Facebook Comment

2 commenti:

  1. Un lato positivo, in tutto questo, c'è: finalmente con le lacrime e il sangue di SuperMario gli italiani saranno costretti a fare i conti con la loro storia. Una storia che tutto il mondo conosce: siamo pastasciuttari, mammoni, ipocriti, senza senso dello stato e senza rispetto per le regole. Ci affidiamo ai padripio, alle madonne che piangono, alle wannemarchi, e a tutti quelli che promettono di fare prodigi. Salvo accorgerci (ma troppo tardi) che erano tutte minchiate.
    ... Adesso siamo ritornati (forse!), coi piedi per terra. Per un pò daremo tutta la colpa al governo ladro. Poi riproveremo, magari, col piduista. Tanto, noi italiani abbiamo la memoria corta.

    RispondiElimina
  2. Stretta per i poveracci, perchè non ho ancora avuta notiizia di una riduzione dei privilegi della casta: stipendi, vitalizi, infinità di partecipazioni ed incarichi, auto, uffici gratis anche per gli ex, riduzione delle tasse per yacht ed aerei, 60.000 mila euro l'anno se rinunciano all'auto blu !!!!!! Ma di cosa vogliamo parlare quando una famiglia media deve vivere con 1.000 euro al mese!!!!Sacrifici di chi!!!!!VERGOGNA

    RispondiElimina